Per scrittori in cerca di LIBERTÀ
di ESPRESSIONE e di CRESCITA

About

Il mio nome è Liliana Marchesi e sono una scrittrice di romanzi Distopici.

Ho iniziato ad auto-pubblicare nel 2012 e da allora non mi sono ancora fermata.

Ho all’attivo dodici pubblicazioni, una saga tradotta in tre lingue e un audiolibro interamente auto prodotto e approdato su Audible.

Nel corso della mia carriera editoriale ho avuto modo di pubblicare con due case editrici e di collaborare con un paio di agenzie letterarie, ma solo il Self-Publishing mi dà la libertà che cerco.

Se vuoi sapere di più su di me e sui miei libri, ti invito a visitare il mio sito ufficiale. Ora, però, ti spiego perché ho fondato Self Creation.

Quando terminai di scrivere il mio primo romanzo, non sapevo nulla del mondo editoriale. Sapevo solo che desideravo condividere con i Lettori la storia che avevo creato e, mossa da questo profondo desiderio, iniziai a camminare lungo il tortuoso percorso dell’auto pubblicazione.

Ero sola, insicura e priva delle basi che mi avrebbero evitato qualche caduta e, proprio per questo, di errori ne ho fatti diversi.

Non sempre ho dato fiducia alle persone giuste. Non sempre ho fatto le scelte migliori per i miei libri. Non sempre ho avuto la costanza e la pazienza per dare il tempo a determinati progetti di evolversi in qualcosa di più grande. A volte è accaduto, altre no.

Ma ho sempre avuto la passione e la determinazione al mio fianco. Non mi sono mai risparmiata, andando spesso contro chi mi diceva che non ce l’avrei fatta, o che la scrittura era solo un hobby.

Sono caduta e mi sono rialzata. E a furia di cadere, ho imparato a rialzarmi più in fretta.

Sono partita da zero, tanto che non avevo neppure un pc, ma nell’arco di tredici anni ho pubblicato dodici libri, imparato a costruirmi un sito web, a realizzare cover, trailer, banner e persino ad auto produrre audiolibri.

Insomma, tutto ciò che ho ottenuto nell’arco di questi tredici anni, meravigliosi e stremanti al tempo stesso, l’ho creato da me.

Fortunatamente, lungo il cammino ho incontrato tanti Lettori che con il loro affetto e sostegno hanno reso tutto più dolce, anche gli ostacoli che spesso mi sono ritrovata a dover superare per andare avanti.

Se c’era qualcosa che mi serviva, ma che non ero in grado di fare e nemmeno potevo permettermi di pagare qualcuno che lo facesse per me, studiavo e imparavo a farlo.

Self Creation, creazione di sé, è la risposta per tutti gli scrittori che hanno difficoltà a sviluppare i propri progetti, o che hanno bisogno di qualcuno che gli dia sicurezza e li assista nelle varie fasi della pubblicazione.

Perché la passione, il desiderio e la determinazione sono ottime e solide basi, ma da sole non bastano.

Per far decollare i nostri progetti ci vuole di più!

Le autrici con cui già collaboro mi chiamano Fata Madrina, ma ciò che sto dando loro non è un bel vestito per poter entrare a palazzo e partecipare a un ballo, bensì le capacità e gli strumenti affinché imparino a confezionarsi non uno, ma tanti abiti.

Scegliere di auto pubblicarsi significa scegliere la libertà.

La Libertà di vivere la propria passione come si vuole, senza vincoli, senza pressioni e senza sentirsi l’ultima ruota del carro in un sistema che si regge sul nostro operato. 

Il mondo editoriale, però, è pieno di autori che pubblicano senza aver curato a dovere ogni singolo aspetto. E non mi riferisco solo alla storia di per sé, che è il fulcro, ma anche a tutti gli altri dettagli che, se trascurati, hanno il potere di distruggere anche il libro più bello.

Per molti lettori il Self-Publishing è l’editoria di serie B, un’opzione scelta da tutti quegli autori che vengono scartati dalle case editrici.

Non date loro motivo di continuare a crederlo.

Curate minuziosamente il vostro lavoro, mettendoci cuore e anima.